Quanto conta l’atteggiamento mentale per superare un periodo critico?

Scrivo quest’articolo durante una crisi sanitaria che sta vivendo l’Italia, l’Europa e il mondo intero a causa della diffusione di un nuovo coronavirus Sars-Co2 che genera la malattia respiratoria denominata #Covd-19.

Come esperto di salute mentale voglio proporvi alcuni SUGGERIMENTI PRATICI da utilizzare PER SUPERARE “qualsiasi” CONDIZIONE CRITICA che viviamo nella nostra vita quotidiana e che riguardano il lavoro, la famiglia, le relazioni e la salute appunto.

#Iorestocasa   #Andràtuttobene #Distantimavicini

 

L’angoscia è il vero nemico

La presenza di un pericolo, mina gli equilibri e genera forte angoscia. Questo sentimento a sua volta determina la perdita di lucidità mentale e genera pensieri negativi altamente disfunzionali di ogni tipo. Ecco alcuni esempi:

“Chissà se ne verremo fuori”

“La crisi economica sarà devastante”

“Perderò il lavoro ”

”Non sarà tutto come prima”

 QUALSIASI MOMENTO CRITICO  TRAVOLGE IL NOSTRO EQUILIBRIO FISICO E PSICOLOGICO

Come superare un momento di crisi?

 

Ecco di seguito 5 punti fondamentali che ci permettono di creare un assetto mentale robusto ovvero in grado di affrontare e superare le difficoltà e proseguire nel nostro cammino di vita nel migliore dei modi possibili.

  • NON ESISTONO SCORCIATOIE. Qualunque sia il motivo della crisi, coronavirus, crisi di coppia, crisi emotiva, mancanza di lavoro o altro ancora. Non esiste una scorciatoia che ci permetta di superare il momento critico e proseguire in modo solido per la nostra strada. La vicenda del coronavirus ci sta proprio segnalando questo: per superare la pandemia occorre essere rigorosi, restare a casa, rimanere il più possibile distanti l’uno dagli altri affinchè il virus non possa replicarsi ed allo stesso modo dare il tempo a chi è stato contaminato di fare evolvere il virus fino alla sua estinzione. Tutto ciò richiede impegno. Niente scorciatoie ma passaggi obbligati verso la guarigione che richiedono tempo ed aggiustamenti necessari al nostro corpo affinché si adatti e superi il momento critico. Allo stesso modo che per il superamento dell’epidemia da covd-19, #iostoacasa #distantimauniti, una qualsiasi altro tipo di crisi, in altri ambiti della nostra vita richiede tempo affinchè possano essere create ed elaborate le soluzioni più efficaci. SUGGERIMENTO 1 iniziamo a PENSARE A LUNGO TERMINE.

                         

  • LA CRISI È UNA POSSIBILITÀ. Vivere un periodo critico, vuol dire mettere in discussione gli equilibri in cui ci troviamo e che ci fanno stare bene. La crisi  mette in discussione la nostra routine, inostri equilibri, le nostre certezze e perfino la nostra sicurezza fisica e psicologica. Tuttavia come nel caso del coronavirus, in cui noi ci stiamo sentendo e forse lo siamo vulnerabili di fronte ad un pericolo invisibile, la crisi può essere una vera e propria possibilità per ridefinire e rivalutare molti aspetti della nostra esistenza. Di fronte al pericolo covd-19 ad esempio, non solo stiamo adottando nuove misure di sicurezza ma stiamo anche sperimentando l’importanza della solidarietà sociale, dell’aiuto reciproco e del rispetto delle regole. Tutti fattori che portano ad una ridefinizione del modo in cui dobbiamo trattare la nostra salute e i nostri rapporti interpersonali di fronte alla salute fisica e psicologica. La crisi ci spinge a fare lo sforzo di ridefinire i termini di un problema e di risolverlo attingendo alle nostre risorse. La crisi ci spinge dunque a modificare le circostanze problematiche e del nostro modo di starci dentro. Usare le esperienze precedenti nostre e altrui è un buon modo per trovare nuove possibilità e allo stesso tempo fondamentale sperimentare da sè nuove soluzioni. Questo tipo di approccio vale, per qualsiasi tipo di situazione critica che ci troviamo a vivere, non solo di salute come nel caso del covid-19, ma lavorativa, relazionale, familiare e di altro genere.  SUGGERIMENTO 2 CERCARE ALTERNATIVE E NUOVE POSSIBILITÀ. Essere in crisi vuol dire avere la possibilità di evolvere e migliorare noi stessi ed il nostro modo di vivere.
  • RIDEFINISCI LE PRIORITÀ E TROVA NUOVE MOTIVAZIONI. La crisi spezza le routine e mette in discussione i nostri equilibri, il che non vuol dire che interrompe e rovini tutto. Per superare un periodo critico, occorre per prima cosa valutare le circostanze che ci mettono in crisi, poi circoscrivere il problema, individuare i motivi della crisi e trovare nuovi obbiettivi. Tutto ciò ci fornirà nuove motivazioni per migliorare le condizioni in cui ci troviamo e perfino noi stessi. Nel caso della pandemia da covid-19 ad esempio questa nuova crisi sanitaria, sta stimolando sia le autorità che i cittadini a prendere nuove misure di sicurezza sulla salute e a rivedere le forme di prevenzione nel sistema sanitario nazionale. Sono stati messi a punto ad esempio nuovi test diagnostici per l’identificazione del coronavirus e permettono di identificare il virus in tempi molto più brevi ed efficaci di prima. SUGGERIMENTO 3 CIRCOSCRIVERE IL PROBLEMA E TROVARE NUOVE MOTIVAZIONI. 
  • AGIRE VERSO I NUOVI OBBIETTIVI. Un periodo critico mette in discussione i vecchi equilibri; in molti casi ha demolito certezze e creato condizioni precarie di salute, nel lavoro, nelle relazioni e in altri ambiti ancora. Le fratture messe in evidenza dalla situazione critica sono tuttavia colmabili attraverso la definizione di nuovi obbiettivi che ci permettono di sanare il vecchio e creare nuove situazioni. Nel caso della nuova pandemia da covid-19, il periodo critico sta stimolando i governi verso nuovi obbiettivi di solidarietà sociale verso i singoli cittadini e le imprese. Ciò comporterà certamente degli aggiustamenti imprevisti nella gestione dei fondi statali e nella messa in atto di migliori strategie di prevenzione della salute fisica e psicologica dei cittadini. Allo stesso modo, per affrontare ad esempio una crisi matrimoniale causata dalla trascuratezza di uno dei due partner verso l’altro, sarà necessario prestare maggiore attenzioni al partner trascurato ed attivare nuovi comportamenti di cura, attenzione e perfino seduzione. Inviti a cena, regali, corteggiamento ad ampio raggio possono diventare nuovi obbiettivi per ravvivare la vita di coppia. SUGGERIMENTO 4  AGIRE a piccoli passi VERSO I NUOVI OBBIETTIVI
  • COLTIVA LA VOLONTÀ GIORNO PER GIORNO. Per uscire da un momento difficile e superare una crisi è indispensabile infine #agire con #costanza e #determinazione. Per questo è fondamentale agire con forza di volontà ed evitare le distrazioni. Come nel caso della pandemia da covd-19 in cui ci viene richiesto con forza di non uscire da casa (lo slogan #Iorestoacasa è un modo per sensibilizzare la popolazione a rimanere il più possibile lontani da contagi) per almeno 15 giorni affinché si estingua il pericolo del contagio, anche in altre situazioni di crisi, una volta circoscritto il problema, identificate nuove motivazioni e definiti i nuovi obbiettivi, occorre essere determinati e costanti verso il raggiungimento delle proprie mete. Se ad esempio viviamo un periodo critico perché siamo ingrassati e ci sentiamo a #disagio e #inadeguati, possiamo intraprendere una dieta alimentare coadiuvata dalla giusta attività fisica per riprendere il nostro peso forma ottimale. E sappiamo bene in casi come questi, quanto i nostri sforzi debbano essere svolti con costanza e giorno per giorno affinché possiamo ritornare nella forma fisica desiderata e nello stato mentale di appagamento. SUGGERIMENTO 5 COLTIVA LA VOLONTÀ AGENDO CON COSTANZA E GIORNO PER GIORNO

PER USCIRE DA UN PERIODO CRITICO OCCORRE DUNQUE #METODO, #IMPEGNO E #DETERMINAZIONE.

 #iorestocasa   #andràtuttobene #distantimavicini

Infine ma non per ultimo, suggerisco di utilizzare un meccanismo di #autoipnosi molto efficace che consiste nel pensare al beneficio che otterremo nel momento in cui avremo raggiunto i nostri nuovi obbiettivi e ridefinito nuove routine e nuovi equilibri.

Riguardo il covd-19, Quando fra qualche giorno saremo in grado di uscire da casa E possiamo essere di certo contenti ed orgogliosi di avere rispettato le regole e superato un problema radicale.

Ricorda che, raggiungere i nuovi obbiettivi di salute, lavoro o familiari, permette di maturare un maggiore e forte senso di autoefficacia che migliora la qualità della nostra vita emotiva affettiva relazionale.

Come psicologo non mi sostituisco alle istituzioni riguardo le indicazioni e le norme che dobbiamo seguire per arginare i danni provati dalla pandemia e debellare il virus. Per questo vi rimando al link del ministero della salute.

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp